Andrea Castiglioni

Autore poliedrico e carismatico, si è dedicato a diverse professioni, tra cui parrucchiere, barista e ora agente di commercio. Questo gli ha permesso di entrare in empatia con diverse personalità, che hanno ispirato la sua produzione.

Si occupa da sempre di poesia e eventi legati a essa. Il colore dei sogni  è la sua prima opera dedicata al mondo dell’infanzia. Il progetto deve la sua nascita anche al piccolo Riccardo, figlio dell’autore, che con la domanda: “Papà, di che colore sono i sogni?” ha involontariamente dato inizio a un vero e proprio sogno (nel sogno).

Dal libro

«Nuvole e disegni volavano su, sempre più in alto. »

«Le case erano grandi e tutte diverse, grazie ai colori speciali prodotti dalla fabbrica. »

«Ma un brutto giorno…»

Elisabetta Ruzzi

Elisabetta si è diplomata in Illustrazione alla Scuola Internazionale di Comics a Reggio Emilia e laureata in Scienze dei Beni Culturali a Modena.

Ama l’arte, la grafica giapponese, i fumetti e la musica antica.

Nelle sue opere dal gusto pop riecheggiano cultura e ingegno. I suoi diversi interessi la ispirano e le permettono di approcciarsi all’arte in maniera sempre innovativa. Il colore dei sogni è stato interamente illustrato a mano da questa donna dai molti talenti.

Paola Rossi

Donna forte e solare, mamma di un bambino affetto da Autismo, si è dedicata alla stesura della sceneggiatura dello spettacolo teatrale La favola mia.

 Il libro/raccolta E ora leggiamo… La favola mia è una testimonianza di quanto Paola sia mossa dall’amore verso suo figlio. Nello scritto è presente anche una intervista toccante e profonda, in cui Paola narra la sua realtà.

Dal libro

«Vicende grottesche ne sono capitate tante e ne seguiranno tante altre, ma ci si fa l’abitudine.

A ogni danno c’è rimedio e ogni stravaganza diventa un divertente aneddoto da raccontare.»

«A oggi sono felice del nostro raccolto, quando gli amici e i parenti vengono a trovarci e vedono Alessandro che li accoglie con un sorriso, che li saluta guardandoli negli occhi e che se richiesto dona baci a non finire. Questo ci riempie il cuore.»

«Quando all’improvviso si prende a pugni la testa o si graffia la faccia con rabbia, a ciò non riesco ad abituarmi. In questi momenti l’angoscia e l’impotenza mi assalgono, non posso fare nulla per placare il suo malessere.»